Come aumentare l’autostima ed eliminare l’ansia

Come aumentare l’autostima

Ansia e Autostima sono connesse molto più di quanto pensi, ma sapendo cosa fare puoi riportare fiducia e serenità nella tua vita.

Sei una persona nervosa di fronte ad una qualsiasi sfida, o ad una sfida per te molto significativa? Magari partecipare ad una riunione, uscire con i colleghi del nuovo lavoro, iniziare un progetto lavorativo importante, invitare a cena quella persona che ti piace molto.

Inizi a pensare che potrebbe succedere qualcosa di terribile, non sai come fare, non ti senti all’altezza. Una tempesta di sensazioni ed emozioni negative ti investono: imbarazzo, insicurezza, ansia, paura, senso di impotenza. Tutto questo incide sulla qualità della tua vita, e continua ad erodere la tua autostima e ad aumentare la tua ansia.

Vuoi sapere come migliorare l’autostima e ridurre la tua ansia? Prosegui nella lettura, avrai subito degli strumenti pratici che ti aiuteranno!

Alla ricerca dell’autostima perduta

Alla ricerca dell’Autostima perduta …

“La nostra ansia non viene dal pensare al futuro, ma dal volerlo controllare.”
Khalil Gibran

Ti è mai capitato di fare qualcuno di questi pensieri negativi?

  • Non riesco, non ce la faccio.
  • Non sono in grado, non posso riuscire in questa cosa.
  • È molto meglio se io evito quella situazione, tanto è certo che farò una brutta figura.
  • Deve essere tutto perfetto o non sarà abbastanza.
  • Desidero davvero raggiungere quel risultato ma non ci riuscirò mai lo so.
  • Non mi piaccio, sono inadeguato, strano, non sono abbastanza.
  • Non sono come vorrei e non lo sarò mai.
  • Meglio evitare certe situazioni, di certo farò qualche brutta figura.
  • Rischiare fa soffrire, non voglio rischiare, non posso permettermelo.
  • Non è colpa mia se tutto mi va male, sono davvero una persona sfortunata.
  • Il mio corpo, il mio viso, la mia voce, il mio modo di camminare, mi danno fastidio e mi mettono in imbarazzo.
  • Se solo… io sarei molto più…

Questi sono alcuni dei pensieri che possono generare ansia nelle persone con bassa autostima.

Pensieri svalutanti come “non riesco” “non sono in grado” oppure pensieri de-responsabilizzanti come “sono una persona sfortunata” o “se solo avessi…se solo facessi…” non fanno altro che alimentare l’ansia e diminuire l’autostima.

La vita per queste persone diventa difficile e ogni scelta è pesante, sembra sempre di portare gli occhiali della sfiducia e dell’impossibilità. Alimentando il circolo vizioso ansia/bassa autostima si rischia di diventare una persona sempre più confusa, che non comprende più se “non puoi” o “non vuoi” affrontare una determinata sfida, e alla fine perdi anche fiducia in quelle che ritenevi le tue certezze.

Le conseguenze più comuni sono:

  • stress;
  • paura;
  • insoddisfazione costante;
  • mancata realizzazione professionale;
  • sensazione di solitudine;
  • inconcludenza;
  • insonnia;
  • ipersonnia
  • frustrazione;
  • dipendenza emotiva;
  • problemi relazionali;

Se già stai vivendo una o più di queste conseguenze, o conosci qualcuno che vive questi problemi, vogliamo darti dei consigli utili e concreti per sapere come migliorare l’autostima e ridurre così la tua ansia di fronte alle sfide personali.

La bassa autostima crea ansia

Interrompere il circolo vizioso “bassa Autostima / Ansia”!

“Che gli uccelli dell’ansia e della preoccupazione volino sulla vostra testa, non potete impedirlo; ma potete evitare che vi costruiscano un nido.”
Proverbio cinese

Cos’è l’Autostima?

“L’autostima è il processo soggettivo e duraturo che porta il soggetto a valutare e apprezzare se stesso tramite l’autoapprovazione del proprio valore personale fondato su autopercezioni. La parola autostima deriva appunto dal termine “stima”, ossia la valutazione e l’apprezzamento di sé stessi e degli altri.”
Wikipedia

In sostanza:

  • Come ti vedi?
  • Come valuti le tue capacità?
  • Cosa pensi di te di fronte alle sfide?
  • Come valuti i tuoi risultati ottenuti finora nella vita?

L’autostima è una percezione assolutamente soggettiva, che dipende prevalentemente dal proprio giudizio interiore, tanto che non è così raro conoscere persone stimate e apprezzate dagli altri, sia al lavoro che in famiglia, ma che non si stimano e non si amano.

L’Ansia è invece:

“Uno stato di agitazione, di forte apprensione, dovuto a timore, incertezza, attesa di qualcosa (essere, stare in ansia per qualcuno, per qualche cosa). In medicina e psicologia, il particolare stato d’incertezza e di timore, che può riguardare specifici oggetti o eventi oppure non averne alcuno di riconoscibile, e che può essere accompagnato nei casi più gravi da disturbi vasomotori e da sensazioni viscerali (costrizione toracica e laringea, ecc.).”
Treccani

L’ansia è in breve una sensazione di timore, impotenza, incapacità di reagire di fronte a un qualcosa che fa paura, sia che si tratti di un qualcosa di tangibile che di un qualcosa di astratto (un’eventualità) o non ancora avvenuto.

Se di fronte ad un ostacolo ritieni di non poterlo superare, e soprattutto se il risultato a cui tendi è per te molto significativo, proverai paura, impotenza, frustrazione, addirittura disperazione. È dunque chiaro che le persone con bassa autostima soffrono inevitabilmente di ansia, a diversi livelli di intensità.

Prima di tutto ti rassicuriamo, l’autostima non è determinata da “fattori genetici” e non è nemmeno una caratteristica fissa e immutabile. L’Autostima è dinamica e nel corso del tempo subisce oscillazioni anche di una certa rilevanza. Dunque non preoccuparti, l’autostima (o la bassa autostima) che hai adesso non è “definitiva”.

Sapere come migliorare l’autostima ti permetterà di evitare un’ansia paralizzante a ogni bivio che incontrerai, di conquistare l’adeguata stima di te per vivere con gioia, felicità e realizzazione.

Come migliorare l’autostima, consigli pratici

Come migliorare l’autostima, consigli pratici.

“Mi chiedi qual è stato il mio più grande progresso?
Ho cominciato a essere amico di me stesso.”
Seneca

L’Autostima è fortemente legata al prendersi cura di sé, del proprio corpo, dei propri pensieri, emozioni e sensazioni. È legata anche all’essere allineati con i nostri valori, vivere in modo coerente con ciò che siamo e riteniamo importante.

Realizzare i nostri sogni, raggiungere i nostri obiettivi aumenta l’autostima, mentre procrastinare o rinunciare abbassa l’autostima.

Ecco dunque alcuni consigli molto pratici e concreti per migliorare la tua autostima e ridurre l’ansia.

1. Immaginati …

Prenditi una decina di minuti da dedicare alla riflessione. Considera quanto tempo sprechi a leggere informazioni banali mentre oggi decidi di investire solo 10 minuti per riflettere e meditare su di te. Fallo per te, per alleviare il tuo dolore, la tua frustrazione e per migliorare il tuo atteggiamento alla vita.

Prima di tutto tieni a portata di mano carta e penna e poi chiudi gli occhi.

Respira profondamente, magari fai per qualche minuto una semplice pratica di meditazione per portare un po’ di quiete interiore.

Ora torna po’ indietro con gli anni, ricorda quando da bambino, da adolescente, o da giovane adulto svolgevi una qualche attività che ti dava particolarmente soddisfazione. Eri un mago dei trucchi di carte? Ti piaceva girare la città in bicicletta? Amavi il modellismo? Scrivevi o immaginavi storie incredibili? Leggevi dal mattino alla sera? Suonavi uno strumento? Facevi qualche sport?

Trova gli hobby e le passioni che ti facevano (o ti fanno) battere il cuore, che ti davano quel brivido ed emozione che tanto somiglia all’innamoramento. Una di quelle cose che hai “dovuto smettere di fare” crescendo, per mancanza di tempo o per circostanze della vita. Potrebbe essere qualcosa che fai ancora oggi … magari in modo trascurato e distratto, o senza soddisfazione.

È importante che riporti alla luce quelle sensazioni piacevoli, quella gioia e quella serenità che ti dava coltivare quella determinata passione. Cerca di rivivere con tutti i 5 sensi dei ricordi specifici, più riuscirai a riportare alla luce il ricordo e le sue sensazioni più sarà efficace l’effetto benefico.

Ora scrivi in un foglio:

  • le attività che hai abbandonato nonostante ti dessero soddisfazione;
  • quelle che hai portato avanti e che non ti hanno più dato la stessa emozione;
  • le attività che senti di voler provare;
  • i sogni nel cassetto che hai messo da parte.

In questo elenco c’è qualcosa, anche di piccolo e non troppo impegnativo, su cui potresti focalizzarti?

L’autostima si costruisce dando modo allo spirito, alla propria essenza, di realizzarsi. Se è da tanto che non dai retta a ciò che ami fare, prova a darti un’occasione.
Se ami leggere e non lo fai perché “non hai tempo” … allora prenota un’ora nella tua agenda e scrivici sopra bello in grande “Leggi quel libro!” ma soprattutto, mantieni l’impegno come fosse un appuntamento di lavoro!
Vedrai che il piacere ricevuto ti darà un’improvvisa ventata di benessere, motivazione ed energia tanto che probabilmente un’ora con te stesso diventerà un appuntamento fisso irrinunciabile;

2. Prenditi cura di te.

Significa non solo sforzarti di vestirti in modo “curato” quando decidi di uscire, ma anche “prenderti cura di te”: un bagno caldo, una seduta dall’estetista o dal barbiere, una giornata di rilassante e costruttivo riposo attivo (una passeggiata nella natura, una buona lettura, un po di sport, tempo con gli amici cari), oppure potresti iscriverti ad un corso di ballo, di cucina, ad un’attività che ti piacerebbe provare, alla palestra, potresti comprare dei libri per la tua Crescita personale e la tua Evoluzione.

Scegli oggi un’azione che ti coccola, che ti fa sentire bene e se non puoi svolgerla oggi stesso programmala per domani. Ricorda che è estremamente importante dedicare giornalmente un momento in cui ti prendi cura di te.

3. Prendi nota di quanto raggiungi e di ciò che hai superato.

Se sei una di quelle persone che “dimentica” i propri risultati allora potrebbe essere molto utile per te tenere traccia di quanto realizzi. Non deve essere necessariamente un elenco di imprese epiche o straordinarie (pochi di noi ne compiono davvero), potrebbe anche semplicemente trattarsi di risultati come:

  • al terzo tentativo sono riuscito a fare la torta che volevo;
  • ho organizzato il party per mio figlio, c’erano 50 bambini e si sono divertiti tutti;
  • ho consegnato la relazione in tempo;
  • ho guidato fino a casa e non ho avuto paura.

E per ogni risultato scrivi:

  • quali sono stati gli elementi che ti hanno ostacolato o ti hanno fatto paura?
  • in che modo hai risolto l’intoppo con le tue sole forze?
  • quali strategie, attività in particolare sono stati utili per superare l’ostacolo/paura e che potresti ripetere in altre situazioni?

Scoprirai di avere molte più risorse di quante credevi di avere. Pensa di dedicare un piccolo quaderno solo a questo esercizio e così ogni volta che raggiungerai un risultato, piccolo o grande che sia, potrai aggiungerlo alla tua “collezione”.

Contemporaneamente avrai una raccolta di pratiche e soluzioni efficaci che potrai replicare per superare i tuoi prossimi ostacoli!

“Tutte le persone di successo hanno un obiettivo. Nessuno può andare da nessuna parte se non sa dove vuole arrivare e cosa vuole essere o fare.”
Norman Vincent Peale

4.  Definisci i giusti obiettivi e raggiungili.

Vuoi sapere come migliorare l’autostima nel modo più “veloce” possibile?
Definisci correttamente i tuoi obiettivi, parti pure da quelli più facili ma fai in modo di raggiungerli.

Riuscire nei propri intenti è benzina per la tua autostima, e pian piano potrai cimentarti in sfide sempre più ambiziose.

Sapere come identificare un obiettivo in modo corretto non è semplice. Soprattutto chi ha problemi di bassa autostima rischia di buttarsi la zappa sui piedi, affossandosi ancora di più.

Il giusto obiettivo non si misura in base alla grandezza, bensì in riferimento ai tuoi valori, al tuo livello di energia, alle tue competenze e all’effettivo allineamento con la tua persona. Sapere come definire il tuo obiettivo è fondamentale per lavorare concretamente sulla tua autostima senza accrescere la tua ansia.

bassa autostima e ansia sono profondamente connesse

Conclusioni

“Mai nulla di splendido è stato realizzato se non da chi ha osato credere che dentro di sé ci fosse qualcosa di più grande delle circostanze.”
Bruce Barton

In questo articolo abbiamo:

  • parlato di come bassa autostima e ansia siano profondamente connesse, e i pensieri negativi che il loro mix può produrre;
  • dato una definizione di autostima e di ansia e ti abbiamo rassicurato, l’autostima è mutabile;
  • offerto dei consigli su come migliorare l’autostima, concentrati su di essi con la massima consapevolezza.

Non avere paura, sono tante le persone con bassa autostima che sono riuscite a invertire il circolo vizioso tra autostima e ansia. C’è bisogno solo della voglia di lavorare su di te, metterci impegno, non per qualcun altro ma per te e per la tua realizzazione come persona e come anima.

È importante che tu entri in uno stato mentale attivo, quello dell’azione!
Errori, sbagli, cadute sono tutti ammessi ma… agisci!

Che la Realizzazione sia con te! 🙂

ELP
Il Ponte per la tua Realizzazione Autentica.

2 comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *